Capitanata

Bombardamenti su Foggia del 1943 Completato il Censimento dei morti

2 Minuti di lettura

Dopo oltre otto anni di ricerche, vede finalmente la luce il Censimento delle vittime, foggiane e no, decedute a seguito dei bombardamenti sulla città di Foggia nell’estate del 1943.

Avviata su iniziativa del precedente direttore della Biblioteca di Foggia “la Magna Capitana”, Franco Mercurio, e proseguita secondo le indicazioni dell’attuale, Gabriella Berardi, la ricerca è consistita in una inedita, rigorosa e massiccia raccolta e verifica di dati (in particolare: nomi e cognomi, età dei deceduti, luogo di nascita e data della morte), attraverso la consultazione di
fonti diverse.

Obiettivo della ricerca è sempre stata la volontà, come biblioteca, di dare un nome e un cognome alle migliaia di vittime di quella tragedia, operazione doverosa sul piano della conservazione della memoria storica e del riconoscimento del sacrificio compiuto da quelle innocenti vittime, attraverso la pubblicazione (per ora solo on line, sul sito della Biblioteca e, in particolare, all’interno della sezione “La Meravigliosa Capitanata”) delle loro generalità,
almeno di quelle che è stato possibile recuperare e verificare.
Al termine di questo lungo e non facile lavoro, è stato possibile raccogliere poco meno di 2.000 nominativi (1.913 per la precisione, alcune decine dei quali ancora senza generalità, ma certamente deceduti nelle giornate dei bombardamenti). Che non furono 20.298 morti – per fortuna! – è un dato verosimile, così come è certo che non perirono solo in 1.913. Ma questo aspetto, è bene ribadirlo, non appartiene allo scopo della ricerca, voluta e portata avanti solo per un debito di riconoscenza con le persone perite e con le loro famiglie.

In seguito, un Comitato tecnico – individuato tra esponenti del mondo dell’università, della cultura, delle istituzioni, delle associazioni e con esperti in campo storico-militare – si attiverà per verificare la qualità e la correttezza metodologica del lavoro di ricerca svolto in questi anni dal bibliotecario della Magna Capitana Maurizio De Tullio, che continua a curare anche un secondo Censimento, quello che documenta l’esodo delle decine di migliaia di sfollati, moltissimi dei quali rientrarono a Foggia anche a
distanza di vari anni.

Si ricorda che il risultato di questa ricerca è per sua natura provvisorio, e che l’inserimento di eventuali nuovi nomi, o la correzione o cancellazione di alcuni di quelli pubblicati, sarà sempre possibile.

In questo caso basterà contattare il curatore della ricerca storica, scrivendo a:
m.detullio@regione.puglia.it

Questo il link per accedere direttamente al Censimento:
https://www.lamagnacapitana.it/SebinaOpac/article/il-censimento-dei-morti-di-foggia-del- 1943/storia-censimento-morti

Due gli elenchi presenti, quello in orine alfabetico per cognome dei deceduti e un altro per
città di nascita delle vittime.

L’indicazione delle fonti consultate per ricavare le notizie pubblicate è in corso di revisione
per uniformare le citazioni, e sarà pubblicata il prima possibile.

Foto wikipedia

Articoli Correlati
Arte e CulturaCapitanata

Peschici Pop-Up: il paesaggio si racconta 11 e 12 settembre 2021

1 Minuti di lettura
Il prossimo 11 e 12 Settembre a Peschici andrà in scena Peschici Pop-up, il concept promosso dalla locale Associazione Turistica Pro Loco,…
Capitanata

L’olio “Volìo” in lingua arbëreshë, nasce a Chieuti ”Mall, vaj ulliri ekstra virgjër”

2 Minuti di lettura
Il sindaco Diego Iacono: «Un volano per valorizzare la nostra storia e cultura» L’olio “Volío” per valorizzare e promuovere la cultura delle minoranze linguistiche arbëreshë della…
Capitanata

Rinviata al 26 settembre la manifestazione sulla Statale 16.

1 Minuti di lettura
Tantissime richieste di adesione da parte di cittadini, gruppi e associazioni da tutta la Capitanata, perciò l’iniziativa va strutturata in maniera adeguata…