Home Incontri “Airone 1”, presentazione del Generale dei Carabinieri venerdì 27 ottobre presso la...

“Airone 1”, presentazione del Generale dei Carabinieri venerdì 27 ottobre presso la Libreria Orsa Minore

LIBRERIA ORSA MINORE
venerdì 27 ottobre 2017 – ore 19

In libreria un testimone d’eccezione degli anni di piombo
Il generale dei Carabinieri
ANTONIO CORNACCHIA
presenta
AIRONE 1
Retroscena di un’epoca
(Sometti, 2016)

ne discute con l’autore
MICHELE PISCITELLI

Antonio Cornacchia, alias Airone 1, è stato forse il poliziotto italiano più famoso della seconda metà degli anni Settanta: fu lui ad arrestare Renato Vallanzasca, a scoprire covi delle BR e dell’Anonima Sarda e ad aprire per primo in via Caetani il bagagliaio della Renault 4 in cui si trovava il corpo di Aldo Moro. Erano gli anni delle stragi, delle connivenze e degli spari, di Moro e di Pecorelli, di Dalla Chiesa e della banda della Magliana, di Paul Getty e di Cossiga. Il generale Cornacchia apre oggi i suoi diari e racconta le sue verità, vissute e ascoltate in prima persona, rivelando i retroscena degli atti sconvolgenti e oscuri di quel mondo. Un mondo che ha lasciato tracce, spesso incomprensibili, che arrivano fino ai giorni nostri.

Antonio Cornacchia, generale dell’Arma dei Carabinieri, nato a Monteleone di Puglia nell’ottobre del 1931, è stato comandante del Nucleo Investigativo Carabinieri di Roma negli anni di piombo, dal 1972 al 1979. L’attività investigativa del Nucleo ha portato alla localizzazione di covi delle BR e della criminalità comune, organizzata ed eversiva, all’arresto di terroristi autori, tra l’altro, del sequestro e dell’uccisione di Aldo Moro, dell’assassinio dei magistrati Tartaglione, Palma, Minervini e di Vittorio Bachelet; ha portato anche alla liberazione di Ettore Bernardi, Michela Marconi, Giovanna Amati, Paul Getty jr, Giuseppe D’Amico, Giuseppe Di Gennaro, Giovanni D’Urso; alla cattura di Vallanzasca e di componenti dell’anonima sarda e della banda della Magliana.
Il generale ha operato poi nel SISMI a partire dal settembre 1980.
Oggi esercita l’attività di avvocato e di ispettore regionale dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri dell’Umbria, oltre a portare la propria testimonianza in scuole, università e associazioni.