Radici del Sud: premiata Cantine Teanum per il Tiati Metodo Classico e il Gran Tiati Gold Vintage

CONDIVIDI

“Questi due riconoscimenti ci riempiono di orgoglio e ci trasmettono ulteriore fiducia e consapevolezza che la strada intrapresa è quella giusta”, dichiara Donato Giuliani, enologo e socio di Cantine Teanum, in merito ai due premi ricevuti in occasione di Radici del Sud, che hanno visto protagonisti il Tiati Metodo Classico e il Gran Tiati Gold Vintage 2010.

Numeri importanti quelli raggiunti nell’edizione 2016 del concorso internazionale dedicato ai vini del Sud Italia, che ha visto protagonisti sia giornalisti italiani e stranieri sia buyers provenienti da tredici paesi stranieri che hanno testato ben 432 vini di 183 cantine di Puglia, Sicilia, Campania, Calabria e Basilicata.

Nei blind tasting  di sabato 11 e domenica 12 giugno, giornalisti, buyers e rappresentati di AssoEnologi Puglia, Basilicata e Calabria hanno degustato in quattro sessioni di assaggio i vini in gara; il Tiati Metodo Classico ha ottenuto il 2° posto ex equo nella sezione “Spumanti bianchi”, mentre il Gran Tiati Gold Vintage 2010 è risultato al 1° posto nella categoria “Nero di Troia”. In entrambe le occasioni, a sancire gli ambiti riconoscimenti è stata una giuria composta da buyers.

“Investire in qualità e sul territorio è una strategia vincente – dice Donato Giuliani, che conclude – dedichiamo questo premio a tutti gli amanti del vino e al nostro team di lavoro, cui dobbiamo tanto per il raggiungimento di questi importanti risultati”.