Installate le esche per i roditori al fine di potenziare le attività di derattizzazione

CONDIVIDI

Al fine di potenziare le attività di derattizzazione avviate nelle scorse settimane con interventi nella pubblica rete delle acque reflue sono state installate nel centro cittadino erogatori di esche per i roditori. “Solo un approccio integrato e continuativo – spiega il Sindaco Francesco Miglio – con interventi da parte dell’amministrazione e dei privati è in grado di dare risultati in termini di riduzione della popolazione murina. Pertanto l’Amministrazione Comunale ha avviato attività di disinfestazione nel sistema fognario e nelle pubbliche vie con la presenza di esche”.

È fatto divieto alla popolazione, quindi, di toccare, manomettere o distruggere sia gli erogatori che la l’apposita segnaletica. Le violazioni alle disposizioni della presente Ordinanza comporteranno: l’immediata applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 500,00, ai sensi dell’art. 7 bis, comma 1 bis, del T.U. 267/2000, secondo la procedura stabilita dalla L.689 del 24.11.1981 e s.m.i..
Infine il Sindaco ha ricordato che è necessario per contrastare il fenomeno, che anche i proprietari degli immobili privati si adoperino attuando ogni necessario intervento per scongiurare la proliferazione di insetti e ratti.

I proprietari degli immobili privati, infatti, dovranno provvedere come da Ordinanze Sindacali n.87 del 09.07.2001 e n. 147 del 20.07.2010: alla recinzione dei terreni, l’eliminazione di vegetazione spontanea, l’installazione di rete tipo zanzariera per impedire l’entrata e l’uscita di topi sulle finestre dei seminterrati; alla esecuzione periodica di interventi di sanificazione utilizzando prodotti regolarmente registrati presso il Ministero della Salute che garantiscano la minore tossicità per l’uomo e per gli animali domestici; all’esposizione di cartello o simile nell’area interessata alla derattizzazione, disinfestazione e disinfezione per tutta la durata dell’intervento.

San Severo, 27 Giugno 2016
Il Portavoce
Marilia Castelli