Un carteggio ritrovato: gli atti di sepoltura delle famiglie gentilizie di San Severo

CONDIVIDI

Mercoledì 27 aprile alle ore 18 nella chiesa dei Cappuccini ultimo appuntamento con le Giornate Severiniane, che costituiscono dal 2001 un appuntamento annuale della storia religiosa locale e nazionale.

A relazionare su “Un carteggio ritrovato: gli atti di sepoltura delle famiglie gentilizie di San Severo” sarà la direttrice della biblioteca provinciale dei Cappuccini “padre Benedetto Nardella”, Marianna Iafelice. L’incontro porterà alla luce le sue recenti scoperte archivistiche portando per la prima volta alla conoscenza della città di San Severo la documentazione della sepoltura dei membri delle famiglie gentilizie della città. Tra i nomi più conosciuti, quelli dei Fraccacreta, dei Mascia, dei Masselli, dei d’Alfonso e dei Gervasio.

La documentazione offrirà, poi, lo spunto per tracciare una ricostruzione del vissuto e delle attività dei principali esponenti di queste famiglie, citati all’interno dei singoli atti, personalità attive sul palcoscenico della vita pubblica cittadina, agli inizi del XIX secolo. L’appuntamento è promosso dall’Archeoclub di San Severo e dalla Parrocchia di San Severino Abate, in collaborazione con il Club di San Severo dell’International Inner Wheel e il Club di Territorio del Turing Club.

“Le scoperte archivistiche della direttrice della biblioteca provinciale dei Capuccini, Marianna Iafelice – spiega il Sindaco Francesco Miglio – arricchiranno il patrimonio storico e culturale della città. Ancora una volta questa importante realtà nata a devozione di San Pio con i suoi appuntamenti si conferma tra i luoghi culturali più vivi e importanti della città contribuendo a ricostruire la storia della comunità locale”.