Tutto pronto per l’appuntamento conclusivo de “Il Paesaggio del Mosaico”

CONDIVIDI

Tutto pronto per l’appuntamento conclusivo de “Il Paesaggio del Mosaico”, il progetto di Sperimentazione dello Scenario Strategico del PPTR – patto Città Campagna, che vedrà la presentazione delle proposte progettuali, la premiazione del Premio del Paesaggio “Mosaico di San Severo” riservato agli studenti delle scuole superiori della città e la sottoscrizione del protocollo di intesa “Il Buon uso della Pietra” tra il Comune di San Severo e Confindustria Foggia.

L’appuntamento è in programma venerdì partire dalle 9.30 presso il Teatro Comunale “Giuseppe Verdi” alla presenza del Sindaco Francesco Miglio, di Massimo Crusi, Consigliere Tesoriere del Consiglio Nazionale degli Architetti PPC, Tiziano Broggiato e Loretto Rafanelli, autori e giurati del Premio. L’esito del Percorso di Sperimentazione dello Scenario Strategico del PPTR sarà presentato dal responsabile del progetto, arch. Fabio Mucilli, mentre il Dirigente del Servizio Assetto del Territorio della Regione Puglia, ing. Francesca Pace, illustrerà i contenuti e le strategie del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale della Puglia A seguire Antonio Leone, docente di Pianificazione Territoriale al Politecnico di Bari, Mauro Iacoviello, Direttore del Parco Regionale dell’Ofanto e Gabriele De Giorgi, componente del prestigioso Studio Metamorph, presenteranno i progetti “Patto Città Campagna, Rete Ecologica, APPEA”; il progetto “Patto Città Campagna, Margine Urbano – Mura Verdi” sarà presentato da Paolo Colarossi, professore ordinario di Progettazione Urbanistica all’Università “La Sapienza” di Roma.

A partire dalle 16.30 l’appuntamento proseguirà con l’intervento dell’assessore alla Cultura, Celeste Iacovino; seguiranno gli interventi dell’arch. Luigia Capurso, (Osservatorio Regionale del Paesaggio) e dell’arch. Anita Guarnieri (in rappresentanza del Segretariato Regionale del MIBACT della Puglia); a seguire Marcello Pazzaglini, professore ordinario di Composizione Architettonica de “La Sapienza” di Roma presenterà il progetto “Margine Urbano – Stazione”; quindi Vito Cappiello, professore ordinario di Architettura del Paesaggio dell’Università Federico II di Napoli presenterà il progetto “Città antica, masserie e paesaggio”; infine, Alessandra Muntoni, professione ordinario di Storia dell’Architettura de La Sapienza di Roma presenterà il progetto “Mobilità dolce”; concluderà i lavori della giornata l’assessore all’Urbanistica e alla Tutela del Paesaggio, Luigi Montorio.

Sabato 30 aprile a partire dalle 9.30 presso il Teatro Verdi ci sarà alla presenza dell’assessore alla Pubblica Istruzione, Simona Venditti, la premiazione della Prima Edizione 2016 del premio del paesaggio “Mosaico di San Severo”, riservato agli studenti delle scuole secondarie superiori della città, articolato in tre sezioni (figurativa, tecnico-economico/sviluppo d’impresa e letteraria), ciascuna delle quali avrà un vincitore, con un premio di 500 euro. Saranno premiate anche personalità della città e di fama nazionale che si sono particolarmente distinte nella loro attività professionale e di ricerca.

Per l’occasione sarà allestita una mostra delle proposte progettuali, con l’esposizione degli elaborati predisposti dai gruppi di lavoro interdisciplinari, costituiti da numerosi professionisti della città.
Alla presenza del Presidente Confindustria Foggia, Gianni Rotice, del Presidente della Sezione Lapidei della Confindustria Foggia, Vincenzo Chirò e di Domenico Potenza, docente di Composizione Architettonica, dell’Università D’Annunzio di Pescara sarà sottoscritto il protocollo di intesa “Il Buon Uso della Pietra”, scaturito dal percorso di condivisione del Percorso di Sperimentazione.

“La Regione Puglia è stata la prima Regione – spiega il Sindaco Francesco Miglio – a dotarsi del piano paesaggistico in attuazione del codice dei beni culturali e paesaggistici. La comunità sanseverese con soddisfazione può vantare di essere tra le tre città scelte, e assegnataria di un contributo regionale, per la sperimentazione del piano regionale per peculiarità paesaggistiche del territorio. La conclusione di questo percorso è un importante risultato che ci pone tra le prime comunità in Italia impegnate nella tutela e valorizzazione del binomio paesaggio-beni culturali”.