Presentati gli atti del convegno “I Celestini in Capitanata. Religiosità, arte, economia”

CONDIVIDI

Numeroso il pubblico presente al convegno “I Celestini in Capitanata. Religiosità, arte, economia” che ha con entusiasmo apprezzato la qualità dell’iniziativa e la visita guidata della sede municipale di Palazzo Celestini.

I presenti, infatti, guidati dall’architetto Giovanni di Capua hanno visitato il chiostro, l’androne e le sale comunali edificate proprio dai Celestini. “I Celestini in Capitanata. Religiosità, arte, economia” è un’opera a più mani edita da CDP Service con relazioni di Pasquale Corsi (Celestino V e le origini del suo Ordine), Feliciano Stoico (San Giovanni in Piano, l’abbazia dimenticata), Giuseppe Piemontese (I Celestini a Monte Sant’Angelo), Giuseppe Clemente (La Vendita dei beni dei Celestini di San Severo, soppressi nel decennio francese), Mario Spedicato (Ascesa e declino di un monastero pugliese: Celestini di Lucera nel XVIII secolo), Nunzio Tomaiuoli (Il monastero di San Pietro Celestino in Manfredonia) e Giovanni Di Capua (Palazzo Celestini a San Severo, architettura e arte).

All’appuntamento hanno relazionato l’Assessore alla Cultura, Celeste Iacovino e i relatori Giuseppe Clemente, Presidente CRD – Storia di Capitanata, Milena Carafa, curatrice del volume e Pasquale Corsi, Presidente di Storia Patria per la Puglia.

“Fa piacere constatare – spiega l’assessore alla Cultura, Celeste Iacovino – che la storia della città e dei suoi monumenti rappresenti un momento di incontro per la collettività. Pertanto l’Amministrazione Comunale intende promuovere periodicamente visite guidate ai palazzi e monumenti per i cittadini che molto spesso ignorano le nostre bellezze architettoniche e la storia della città. Ringrazio il CRD e il suo presidente Giuseppe Clemente che prosegue nel suo impegno di studio, ricerca e divulgazione della storia cittadina”.