Festa del Soccorso 2016: la festa non merita alcuna strumentalizzazione

CONDIVIDI

In primo luogo dobbiamo fare una affermazione ovvia: la Festa del Soccorso
 è un patrimonio della città, per cui l’Amministrazione Comunale è
 impegnata per consentire la migliore riuscita dell’evento religioso, culturale, storico e folkloristico che rappresenta l’appuntamento di punta
 della nostra comunità.

Su questo tema e su altri argomenti che coinvolgono gli interessi più 
basilari della città abbiamo da sempre auspicato un confronto pacato e nel
merito, senza strumentalizzazioni. 
Ci hanno, perciò, particolarmente colpito le polemiche di queste ultimi
giorni che riguardano la volontà manifestata dall’Amministrazione Comunale 
di organizzare una parte della festa (e precisamente quella delle
cosiddette “bancarelle” dei venditori ambulanti che provengono dalle più
disparate nazioni e che commercializzano merce non “del territorio”) con
 lo spostamento da Via Minuziano e Via Tondi nella zona di Via Fortore (e
precisamente in Via Mario Carli).

Il progetto prevede un appello per collocare in Via Tiberio Solis aziende locali, sia agricole che artigianali, ed enogastronomiche ed in Via 
Minuziano ed in Via Tondi di aziende dei territori limitrofi aventi
medesima vocazione, per cui il centro sarà vivo e vitale come sempre.
 Per favorire ancor di più tali iniziative ed essere maggiormente attrattivi
sono in pista incentivazioni per coinvolgere anche
esercizi ed attività che gravitano attorno a queste aree comunali. 
In tale visione l’amministrazione sta cercando di programmare un premio per gli artisti di strada, prevedendo di attrarre madonnari, artisti specializzati 
nell’intrattenimento di bambini, musicisti ed artisti vari.


Ricordiamo che, con un’altra precisa indicazione di questa Civica
 Amministrazione, lo scorso anno abbiamo collocato il luna park e tutti
coloro che offrono cibo da strada con i loro variegati punti di vendita
mobili nella zona di Via Fortore: anche in quella occasione abbiamo
sopportato critiche disparate ed aprioristiche, basate sul dogma della
immodificabilità della festa, ma la scelta si è rivelata vincente e la
festa è stata un successo unanimemente riconosciuto, tanto che anche per
l’edizione 2016 il luna park e tutti i venditori di cibo da strada,
saranno collocati nella stessa area, a due passi dal centro e da Corso
 Garibaldi, tradizionale punto di riferimento delle nostre passeggiate
specie in quei giorni di festa.

Una scelta, quella dell’amministrazione, che ha riscosso il consenso di
tutti, perché la “location” di via Padre Matteo d’Agnone e di via Martiri
di Cefalonia, è considerata anche logisticamente più facilmente 
raggiungibile rispetto a quella più decentrata di Viale Castellana (anche
grazie alla vicinanza rispetto ai siti destinati ai fuochi pirotecnici). 
Nell’ambito delle varie riflessioni svolte sulla valorizzazione della festa
si è spesso detto che – essendo un biglietto da visita rispetto al mondo
 intero – sarebbe stato opportuno coinvolgere il territorio, con le sue 
eccellenze e le sue ricchezze agricole, artigianali ed agroalimentari.

In tale scia abbiamo deciso di decentrare gli ambulanti che non hanno una
spiccata vocazione territoriale in una zona comunque limitrofa a quella
dove vive la festa delle giostre e del cibo di strada, cioè via Mario 
Carli, anche allo scopo di consentire a operatori stranieri di avere spazi
di ricovero adeguati e rispondere alle continue segnalazioni che da
decenni sono state avanzate dai cittadini, costretti, per alcuni giorni a convivere con condizioni igenico sanitarie precarie.
In quella zona sarà più facile intervenire con servizi e spazi idonei con la possibilità di utilizzare anche i locali della Caritas e di altri operatori del territorio con cui l’amministrazione sta strutturando una “RETE DELL’ACCOGLIENZA“.

Ebbene, queste serie considerazioni, spingono una amministrazione attenta ai bisogni del cittadino ed al rispetto del decoro umano ed urbano, ad
assumere decisioni che non possono che migliorare la vivibilità nei giorni
di festa: non dimentichiamo, tra l’altro, le numerose possibilità di sosta 
degli automezzi offerta dalla zona di via Fortore.

Come detto, inoltre, il centro storico resterà pienamente coinvolto dalla 
festa mediante stand più vicini al territorio, con la possibilità di
mostrare a turisti ed operatori che arrivano da ogni dove le ricchezze e
le bellezze del nostro comprensorio, al fine di proporre ai sanseveresi 
(compresi quelli che tornano nella nostra città per la festa) i prodotti
 che la Vergine del Soccorso protegge ed ama. 
Tutti, ma proprio tutti avranno il proprio spazio!

L’offerta, pertanto, sarà aumentata e resa omogenea:
– passeggiate tra stand di primissima qualità nel centro storico, per un’
offerta commerciale senza precedenti nella storia dei festeggiamenti in
onore di Maria Santissima del Soccorso;
– una vasta area dedicata al divertimento, ai cibi di strada, agli ambulanti
 etnici ed a quelli non strettamente legati alle produzioni territoriali;
– artisti di strada, madonnari e musicisti per le strade.

Insomma sarà premiante la possibilità di restare in pieno centro, ma anche
 quella di raggiungere a piedi la zona di Via Fortore, o ancora quella di
raggiungerla con la propria autovettura, per l’evidente maggiore
 possibilità di trovare un parcheggio! 
Ogni critica costruttiva, rispetto a tale visione, è assolutamente ben
accetta. Meno quelle strumentali che non portano da nessuna parte.
 Perché la Festa del Soccorso è un patrimonio di tutti. 
Grazie!

L’Amministrazione Comunale