Biblioteca Comunale gremita per la “Giornata Mondiale della Poesia”

CONDIVIDI

La Biblioteca Minuziano di Largo Sanità ha ospitato l’evento I POETI E L’AMORE – EXCURSUS POETICO DA SAFFO AL NOVECENTO organizzato da Comune di San Severo, Biblioteca Comunale “Alessandro Minuziano” e Club per l’UNESCO di San Severo, iniziativa che celebra La Giornata Mondiale della Poesia istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999.

L’evento è stato curato da Silvana Del Carretto e Carmen Antonacci, con le musiche al flauto della bravissima Antonella D’Amicis e la conduzione di Michele Princigallo. A portare i saluti della Civica Amministrazione è stata Concetta Grimaldi, direttore della Biblioteca Minuziano. “L’Unesco riconosce nella poesia il valore di simbolo della creatività dello spirito umano. Dando forma e parole a ciò che non ne ha, come la bellezza insondabile che ci circonda e l’immensa sofferenza e miseria del mondo. La poesia – afferma il presidente del Club per l’UNESCO di San Severo Michele Princigallo – contribuisce all’espansione della nostra comune umanità, contribuendo ad aumentarne la forza, la solidarietà e la consapevolezza di sé.

Le voci che portano la poesia aiutano a promuovere la diversità linguistica e la libertà di espressione. Partecipano allo sforzo globale volto all’educazione artistica e alla diffusione della cultura. Il nostro sarà un rendere omaggio agli uomini e alle donne il cui unico strumento è stato la libertà di parola, di immaginazione e di azione”.

La serata è stato un reading, magistralmente selezionato da Silvana Del Carretto, dei grandi della poesia, come Saffo, Catullo, Dante, Petrarca, Boccaccio, Shakespeare, Keats, Neruda, Prevert, Pozzi, Merini e altri… “Il loro grande sforzo poetico – ha aggiunto Carmen Antonacci – ha il potere di portarci insieme, indipendentemente dalle origini o credenze, a ciò che è al centro stesso dell’umanità. Amare la poesia significa coglierla senza preconcetti, sentirla nell’anima ed emozionarsi non solo per il suo significato ma anche per il meraviglioso suono delle parole. È una luce che resiste a tutto e che continua a elargire e diffondere emozioni. E questo ci è confermato dal vivere nella terra dei vari Dante, Leopardi, Pascoli, Quasimodo”.

Il Presidente
Michele Princigallo