“La strada dei Sapori” organizza “Aggiungi un senso a tavola”, un piccolo viaggio tra olfatto e gusto

CONDIVIDI

Giovedì 25 febbraio e martedì 1 marzo 2016 l’Associazione di promozione sociale “La Strada dei Sapori” organizza due lezioni sensoriali, due pomeriggi per scoprire in maniera divertente, le potenzialità del nostro corpo con degustazioni e giochi.

Appetitose sensazioni: esplorazioni ed esperienze sensoriali a tavola-

Un piccolo viaggio tra olfatto e gusto, guidati con simpatia da Elisabetta De Blasi, food expert, che ci introdurrà alle appassionanti meraviglie delle sensazioni e da Francesca Menanno, nutrizionista, che svelerà invece i misteri e gli enigmi delle scelte a tavola, traducendo comportamenti e desideri.

Gli incontri si terranno presso Spazio Ripoli via san Girolamo 12- vicolo di fronte alla Chiesa di San Severino a San Severo.

Primo appuntamento: 25 febbraio ore 16.30 – Il fascino degli odori

Secondo appuntamento: 1 marzo ore 16.30 – Nei labirinti del gusto

La Strada dei Sapori” ha a cuore l’idea di contagiare i concittadini a consolidare il senso di appartenenza al nostro magnifico territorio, attraverso la valorizzazione delle “eccellenze e ricchezze”. L’aiuto di “Esperti” serve a confermare che siamo ricchi di “ tesori”, troppo spesso sottovalutati ed ancor peggio ignorati, soffocati dagli accadimenti di cronaca che non rappresentano di certo gli abitanti del territorio. Tale azione di promozione si concretizza attivando le sinergie tra produttori e consumatori locali in una gara solidale.

Per questo contagio positivo, La Strada dei Sapori è in continua e attenta ricerca di attività ed eventi che stimolino l’attenzione, il confronto ed il gusto del buon cibo.

Il contributo spese per le lezioni sensoriali è di 15.00 euro per i soci e 20.00 euro per i non soci.

Il corso è riservato a 20 partecipanti a cui verranno assegnati postazione e materiale per lavorare, assaporare, sperimentare e divertirsi. L’ingresso è gradito alle ore 16.15.

Per la prenotazione occorre inviare un messaggio a lastradadeisapori@libero.it e per saperne di più collegarsi al sito www.lastradadeisapori.com

 

Premessa

Viviamo in una società accelerata in cui il corpo viene costantemente spossessato, soggiogato, abusato, manipolato e quasi mai tradotto, compreso, accolto. L’uso dei sensi nelle differenti esperienze che ogni giorno siamo chiamati a vivere, diventa accessorio rispetto all’uso della mente che decide e indirizza ciò che il corpo deve volere. Questo approccio esclude e non comprende che il corpo, prima dell’elaborazione culturale educata, agisce da solo, decide ‘senza il nostro permesso’ risposte più o meno positive ad aggressioni psicologiche o fisiche, provenienti dal vivere quotidiano.

 

Il progetto

So cosa sento?

I partecipanti verranno guidati in un percorso di consapevolezza sensoriale che sia in grado, attraverso esercizi ironici ed esplorativi di se stessi, di recuperare la parte ‘animale’ dell’essere umano, come parte autentica e positiva, capace di metterci in profonda relazione con la Natura, attraverso il cibo. Il recupero del dialogo con il proprio corpo inizia con la comprensione degli strumenti percettivi elementari – olfatto, gusto, tatto, udito e propriocezione – grazie ad una guida esperta che possa tradurre attraverso la verbalizzazione, l’avvicinamento alle sensazioni percepite con una modalità ludica e di scoperta autentica.

Il corpo non mente, la mente invece….

Il desiderio è uno strumento attraverso cui il nostro corpo ci manda segnali inequivocabili di bisogni circostanziati, ben definiti, di varia origine. Con l’aiuto di una traduttrice nutrizionistascopriremo come e perchè il corpo quando percepisce dei bisogni, ce li presenta sotto forma di desideri. Scopriremo dunque che questi bisogni sono di natura fisiologica ed emotiva. Infatti lo sviluppo evolutivo degli organi di senso ha un significato ben preciso di sopravvivenza, nonché di un migliore adattamento allo spazio circostante e ai suoi stimoli, che sono di natura non solo fisica e biochimica, ma anche ecologica e sociale.

Il buono mi fa bene

Lontano da una tavola punitiva, dopo aver compreso e accolto il corpo mettendoci in ascolto, una appassionante interprete di odori, colori e sapori ci stupirà con un momento di esperienza gastronomica a tutto tondo per la gioia del corpo e della mente, finalmente ricomposti.

Le professionalità

La guida

Elisabetta De Blasi food expert e food hunter, scrive per il Gambero Rosso dove seleziona diversi prodotti e partecipa a molte guide. Si occupa di divulgare la consapevolezza sensoriale raccontando a tutti piccoli segreti sul corpo e sulle sue incredibili potenzialità captative a favore di una vita appassionata e intensa. E’ presidente dell’Associazione Passione Extravergine che divulga la cultura olearia.

La traduttrice

Francesca Pia Menanno biologa, specialista in Scienza dell’Alimentazione, e counsellor alimentare, lavora come nutrizionista libera professionista. Svolge da sempre un’intensa attività di divulgazione scientifico-nutrizionale. Da poco cura un suo sito e blog personali, il cui nome evoca subito la sua mission: soulinfood.com.