Via dell’Angelo Custode, il toponimo di fantasia che accoglierà i senza fissa dimora

CONDIVIDI
Foto di Salvatore Giannini

Si chiamerà via dell’Angelo Custode e sarà il toponimo simbolico dove tutti i senza fissa dimora di San Severo avranno la residenza. Lo ha deciso la Giunta comunale della città, che ha dato via libera all’individuazione di una via territorialmente non esistente da denominare “Via dell’Angelo Custode” con numero progressivo dispari e da far valere per la registrazione anagrafica dei soggetti senza fissa dimora.

In questo modo l’esecutivo guidato dal sindaco Francesco Miglio intende ottemperare al diritto della residenza per quelle persone che non hanno una fissa dimora e che senza di essa non possono accedere ad una serie di servizi e diritti. La persona senza fissa dimora è, ai fini anagrafici, chi non ha in alcun Comune quella dimora abituale che è elemento necessario per l’accertamento della residenza (girovaghi, artisti delle imprese spettacoli viaggianti, commercianti e artigiani ambulanti, etc…), per le quali, quindi si è adottato il criterio dell’iscrizione anagrafica nel Comune di domicilio.

Il domicilio, infatti, è l’unico elemento che possa legare il senza fissa dimora ad un determinato Comune, peraltro, l’iscrizione anagrafica nel Comune di domicilio va incontro ai legittimi interessi del cittadino senza fissa dimora, conferendogli la possibilità di iscriversi nell’anagrafe di quel Comune che possa essere considerato, nei continui spostamenti dipendenti dalla natura della sua attività professionale, come quello dove più frequentemente egli fa capo, ovvero ha dei parenti o un centro di affari o un rappresentante o addirittura il solo recapito e che per lui sia più facilmente raggiungibile per ottenere le certificazione anagrafiche occorrenti.

 

Fonte: FoggiaToday