L’Esercito e le famiglie dei caduti plaudono all’istituzionalizzazione del Concerto per la Pace

CONDIVIDI

Si terrà ogni anno nel mese di Novembre un concerto per ricordare i militari caduti nelle missioni di Pace dell’Esercito Italiano. L’iniziativa, istituzionalizzata dall’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Francesco Miglio, è stata presentata ufficialmente dal Vice Sindaco Francesco Sderlenga, dal Caporal Maggiore Capo Scelto Ferdinando Giannini, Medaglia d’Oro al Valore ed al Merito Civile e il ten. colonnello Mauro Ocone in rappresentanza del Comandante Gen. Mauro Prezioso, dal direttore artistico per le manifestazioni di arti varie del Teatro Comunale Giuseppe Verdi, maestro Antonello Ciccone e da Vincenzo Frasca rappresentante dell’Associazione Onlus Mario Frasca.

È stato per noi un onore – spiega il Vice Sindaco Francesco Sderlenga – mettere a disposizione la splendida cornice del Teatro Comunale Giuseppe Verdi per onorare e ricordare ogni anno i militari caduti nell’adempimento del dovere militare nelle missioni di pace nel mondo intero attraverso il Concerto per la Pace. San Severo è la prima città di Italia che ha deciso di dedicare un concerto ed un momento di riflessione per quanti con spirito patriottico e grande senso di responsabilità contribuiscono negli Stati in difficoltà ad aiutare la popolazione e a contribuire all’affermazione dei diritti di uguaglianza, democrazia e dignità dell’uomo”. Hanno presenziato alla manifestazione anche i genitori di Francesco Saverio Positano, caduto il 23 giugno 2010 in Afghanistan, il fratello di Pasquale Dragano caduto in Kosovo il 24 giugno 1999,
i genitori di Mario Frasca caduto in Afghanistan il 23 settembre 2011, la prof.ssa Rosa Lacerenza in Solimene garante dei diritti delle persone private della libertà personale e il comandante del Casa Circondariale, Giovanni Serrano.

Le famiglie e i rappresentanti dell’esercito hanno nell’occasione ringraziato gli amministratori comunali e il direttore artistico Antonello Ciccone per la sensibilità dimostrata nel voler riproporre ogni anno un concerto in onore dei caduti, di cui lo scorso 19 novembre si è tenuta la prima edizione.

Si tratta di un atto di estrema sensibilità istituzionale – conclude il direttore artistico, Antonello Ciccone – nei confronti dei tanti giovani italiani, parecchi dei quali pugliesi e della Capitanata. Chiederemo che l’iniziativa venga patrocinata anche dalla Regione Puglia e dal Ministero dell’Interno in quanto si configura come un momento di alto significato sociale”.