“Gli orrori della Shoah siano da monito per un futuro di pace tra i popoli” il messaggio del Sindaco

CONDIVIDI

Il Sindaco Francesco Miglio e l’assessore alla Pubblica Istruzione, Simona Venditti, in occasione della Giornata della Memoria, che ricorre il 27 gennaio, hanno inviato alle scuole cittadine di ogni ordine e grado un messaggio destinato a tutti gli studenti.

Cari studenti,

il 27 gennaio del 1945 per la prima volta si mostrò al mondo intero l’orrore del genocidio nazista, gli orrori della Shoah devono oggi più che mai essere un monito per un futuro di pace tra i popoli.

In questo momento storico le istituzioni in particolare, attraverso gli insegnanti e le iniziative culturali che saranno avviate in città, hanno il dovere di raccontare e ricordare alle giovani generazioni il terrore che si perpetrò con l’olocausto nel corso della seconda guerra mondiale, questa giornata deve essere, quindi, per tutti noi momento di riflessione e testimonianza affinché ciò che l’umanità è stata in grado di fare, non accada mai più.

Lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, la persecuzione di quanti hanno subìto la deportazione, la prigionia e la morte, devono insegnare ai giovani gli orrori della guerra e allo stesso tempo occorre promuovere l’esempio di quanti anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio mettendo a rischio la propria stessa esistenza.

Pertanto cari ragazzi questi uomini e queste donne siano per voi modelli di vita, esempi di coraggio da promuovere e da contrapporre agli esempi di violenza e di odio.

La formazione didattica e culturale vi accompagni sempre nel vostro operato per essere uomini e donne portatori di quei valori irrinunciabili di pace, libertà e uguaglianza contrastando l’emergere di atteggiamenti xenofobi ed apertamente razzisti.

Nella giornata del 27 gennaio il Tricolore sventolerà a mezz’asta da Palazzo di Città