Sicurezza in città: in arrivo 14 nuove telecamere di videosorveglianza

CONDIVIDI

PON Sicurezza, San Severo tra le tre città della Provincia che riceveranno un incremento del sistema di videosorveglianza. Entro il 5 dicembre 14 nuove telecamere saranno funzionanti. Il Sindaco ringrazia il Prefetto.

La città di San Severo è tra le tre città della Capitanata che potranno beneficiare di un incremento del sistema di videosorveglianza nell’ambito dei Pon Sicurezza.

“Grazie alla collaborazione con la Prefettura di Foggia – spiega il Sindaco Francesco Miglio – la città potrà beneficiare di un incremento di 14 telecamere di videosorveglianza che si aggiungeranno alle 26 telecamere già attive in città. Ringrazio il Prefetto, S.E. Maria Tirone, per aver accolto le richieste della comunità sanseverese e per aver messo l’emergenza che vive il territorio ai primi posti dell’agenda di interventi promossi dalla
Prefettura”.

In questi giorni gli uffici competenti della Prefettura sono già al lavoro per il disbrigo delle ultime pratiche burocratiche e a breve saranno installati i nuovi impianti di videosorveglianza pubblica.

Le telecamere saranno installate e attivate entro il 5 dicembre 2015.

“In materia di sicurezza – aggiunge l’assessore alla Legalità, Antonio Cicerale – l’implementazione del sistema di videosorveglianza consentirà di agevolare il lavoro di indagine delle forze dell’ordine e sarà un ottimo elemento deterrente per chi delinque.

L’impegno dell’Amministrazione Comunale che sin da subito si è attivata presso le istituzioni competenti continua a dare risultati”.

Le telecamere saranno installate in nuove aree urbane consentendo così di ampliare il raggio di azione della videosorveglianza.

“Le nuove tecnologie – conclude l’assessore alla Legalità, Cicerale – sono un importante strumento per gli operatori delle forze dell’ordine. In passato, infatti, le telecamere si sono dimostrate determinanti per individuare quanti delinquono. Parallelamente a queste iniziative chiediamo a tutti i sanseveresi di collaborare, perché nonostante avremo 40 telecamere in città è anche vero che ogni sanseverese può essere un attento osservatore
e collaboratore per assicurare una maggiore vivibilità alla città”.