Mille alunni pronti a sanzionare con multe morali i cittadini che non rispettano le regole del viver civile

CONDIVIDI

 

Mille alunni delle scuole primarie della città sono pronti a sanzionare i sanseveresi che non rispettano le regole del viver civile. Veri e propri vigili della collettività che con le loro multe morali vigileranno sui comportamenti della propria famiglia e dei cittadini tutti. Infatti a termine del viaggio “Itinerari teatrali di legalità” agli alunni e alle docenti viene consegnato un blocco di multe morali che i bambini potranno spendere per ammonire i comportamenti sbagliati dei propri concittadini invitandoli a riflettere.

“Ho voluto con i bambini – spiega il Sindaco Francesco Miglio – condividere questo momento di educazione civica e sono rimasto sorpreso dalla voglia degli stessi di vivere in una città migliore. Infatti i piccoli vigili non vedono l’ora di poter sanzionare noi adulti per i comportamenti sbagliati che penalizzano la qualità della vita della città”.

Le multe morali recitano: “Tranquillo, non c’è nessun euro da pagare. C’è da fare molto di più. C’è da dare il buon esempio a noi “piccoli” che ti osserviamo” e concludono “oggi Lei ha risparmiato i soldi della multa, ma per favore, non lo faccia più”.

Il progetto ha coinvolto gli operatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza e gli agenti della Polizia Locale ed è stato realizzato grazie alla disponibilità di Ferrovie del Gargano che ha messo a disposizione del progetto un proprio mezzo.

I bambini, attraverso un percorso con esperti del settore e rappresentazioni teatrali eseguite dall’associazione culturale Ma.ma.ma che accompagnano la visita, scoprono e imparano le regole, per poi diventare essi stessi controllori.

“Responsabilizzare i bambini – conclude l’assessore alla Pubblica Istruzione, Simona Venditti – e coinvolgendoli nel ruolo di vigili morali ci consente sia di educare le nuove generazioni, ma anche di sensibilizzare attraverso i bambini noi adulti, che a volte siamo meno attenti e rispettosi verso la collettività”.