Il Luna Park, tra i più grandi della Puglia, per la Festa del Soccorso torna in via P. Matteo da Agnone

CONDIVIDI

Dopo circa 20 anni di assenza dal cuore della festa patronale il Luna Park torna in via Padre Matteo da Agnone.

“La decisione di far ritornare nel centro urbano le attrazioni dei giostrai – spiega il Vice Sindaco Francesco Sderlenga – consentirà di agevolare l’utenza ed evitare l’aumento del traffico urbano e il flusso di autoveicoli lungo le strade”. Una decisione che secondo gli amministratori renderà la festa più ordinata. “L’area su cui sarà installato il Luna Park – continua il Vice Sindaco Francesco Sderlenga – è di circa tre ettari di superficie per ospitare oltre 100 attrazioni del parco divertimenti per bambini e adulti”.

Infatti il Luna Park della Festa del Soccorso è tra i più grandi della Puglia, fra le attrazioni più gettonate il percorso di montagne russe mobile più grande di tutto il sud Italia, passeggiate umoristiche con diversi temi, dall’horror all’universo americano, tre piste di autoscontri, una pista go-kart, un simulatore di viaggio in 5D, la ruota panoramica, e direttamente dalla Spagna “La corrida” su cui toreri improvvisati si dimenano sui tori meccanici.

Inoltre è presente il Musik Express un vero e proprio treno della musica, mentre tra le più estreme spicca il free style, un braccio meccanico che porta la gente a testa in giù ad una velocità di oltre 50 km/h per un divertimento a 360 gradi. Quest’anno fra le novità del Luna Park ci sono: lo Zipper che arriva direttamente dal folklore e dai carnevali brasiliani e il Mixtreme un percorso di arrampicata libera per confrontarsi con se stessi sulle proprie prestanze fisiche. Non mancano inoltre la ruota panoramica e le attrazioni dedicate ai più piccoli.

Proprio per la sua vicinanza al centro cittadino e ai luoghi della festa patronale il Luna Park sarà aperto anche nelle ore mattutine. “La presenza di un Luna Park tra i più grandi di Puglia – conclude il Sindaco Francesco Miglio – è un altro motivo per venire a visitare la nostra festa patronale, conoscere la città e le sue tradizioni”.

(FOTO di Armando Morelli)