Musica Civica premia i “Talenti di Capitanata per il mondo”

CONDIVIDI

I “Talenti di Capitanata per il mondo” saranno sabato 7 marzo alle 19 sul palco del Teatro Verdi ospitati dalla rassegna Musica Civica, che con questo evento riporta in Capitanata grandi artisti originari del territorio che stanno riscuotendo successi in Italia e nel mondo.

Si avvicenderanno sul palco il pianista di San Giovanni Rotondo Christian De Luca, attualmente residente a New York dove è stato ammesso a studiare con una borsa di studio alla prestigiosa Juilliard School of Music, una delle università musicali più importanti al mondo; il quartetto di violoncelli Cellophonia Quartet, nato in seno al conservatorio di Foggia e formato dai migliori allievi ed ex allievi del docente titolare di cattedra, il noto violoncellista Francesco Montaruli; il soprano di Cerignola Ripalta Bufo, vincitrice di premi internazionali importantissimi e conosciuta al grande pubblico grazie alla sua partecipazione alla trasmissione Italia’s got Talent 2013, a seguito della quale ha firmato un contratto con la Sony Records e infine la Dauniaorchestra guidata da Umberto Sangiovanni, pianista e compositore foggiano ora residente a Roma, noto in Italia e all’estero per le sue composizioni, i suoi spettacoli originali, il suo pianismo eclettico e il suo impegno per il recupero della tradizione popolare pugliese mediante una rilettura in chiave jazz e contemporanea di testi contadini e folk.

Le quattro realtà artistiche pugliesi si racconteranno al pubblico di Musica Civica, pungolati dalle interviste sempre effervescenti di De Finis, e daranno prova del loro livello musicale proponendo pezzi di grande fascino e di estremo virtuosismo.

Dalla rocambolesca Rapsodia Spagnola di Liszt, un vero manuale delle maggiori arditezze pianistiche, alle trascrizioni per quattro violoncelli di pezzi legati alla musica per il cinema, dalle tre arie d’opera che richiedono un controllo tecnico della voce e una capacità interpretativa che solo grandi cantanti possono sfoggiare ai brani del compositore foggiano Sangiovanni, uno dei quali su testo di Andrea Pazienza, altro talento indiscusso e figlio della Capitanata.

Siamo orgogliosi – conclude Miglio – di poter accogliere questi illustri artisti della Capitanata sul palcoscenico del Teatro Verdi. Il loro talento e le storie personali che loro stessi racconteranno al pubblico potranno essere un esempio positivo per i nostri giovani”.