“La ciociara”, omaggio a Sophia Loren. Sabato 21 febbraio al Teatro Verdi

CONDIVIDI

Torna sabato 21 febbraio alle ore 19 al Teatro Comunale Giuseppe Verdi la rassegna “Musica Civica”, che ospiterà la tournée de “La ciociara”, un omaggio a Sophia Loren, diretta dal figlio Carlo Ponti Jr. Un evento di straordinario rilievo che porterà in Capitanata oltre 60 artisti impegnati nello spettacolo.

Figlio della coppia Loren-Ponti, Ponti Jr è un noto direttore d’orchestra dalla solida formazione tecnica e interpretativa acquisita negli States, con Zubin Mehta a Los Angeles, e poi in Europa presso la scuola viennese “Hochschule fur Musik” con Leopold Hager ed Erwin Accel. Ponti è attualmente il direttore musicale dei “Los Angeles Virtuosi” e da quindici anni direttore associato dell’Orchestra Nazionale Russa, con cui ha registrato numerosi CD per l’etichetta Pentatone.

Originale e variegato il programma musicale che si apre con il mastodontico concerto di Tchaikovsky per violino e orchestra interpretato da una delle più giovani e apprezzate violiniste orientali, l’enfant prodige Hani Song.

Ponti, oltre a proporre quello che è considerato uno dei più virtuosistici e suggestivi concerti per violino e orchestra di tutti i tempi, i cui romantici temi sono noti ai più, ha scelto di confrontarsi con la suite di Nino Rota “La strada”, tratta dal balletto originato dall’omonimo film del 1954 di Federico Fellini.

Rappresentato per la prima volta nel 1967 al Teatro alla Scala di Milano e interpretato, tra gli altri, da Carla Fracci, il balletto diventa subito celebre per le sue musiche suggestive, di immediata godibilità e di grande presa sul pubblico.

Ponti chiude il programma con un’altra suite orchestrale, quella tratta dalla colonna sonora del film La ciociara – cui il nome di Sofia Loren è strettamente legato – di Armando Trovajoli, il grande compositore vincitore di ben quattro David di Donatello scomparso meno di due anni fa.

La conversazione abbinata al concerto è estremamente originale e innovativa: “La musica delle parole” di e con Stefano Bartezzaghi. Incentrata sull’interessante relazione tra suono e parola, tra significante e significato, sul suono della parola, sulla musica insita nelle parole che usiamo quotidianamente, avrà come protagonista il celebre scrittore e giornalista milanese, profondo conoscitore della nostra lingua. Bartezzaghi affascinerà il pubblico della Capitanata conducendolo nel mondo giocoso e sfaccettato della comunicazione linguistica in relazione alla comunicazione sonora.

Ancora una volta – conclude Miglio – la rassegna Musica Civica permetterà alla città di accogliere grandi artisti e spettacoli di rilievo internazionale”.