Festa del Soccorso 2011: il “Gruppo dei Rioni” rende omaggio ai Rioni storici, ma anche a CHIARAPPA Giuseppe.

CONDIVIDI
Foto by: sanseveresi.com

Il neonato “Gruppo dei Rioni” cioè quei rioni che per la prima volta dopo 8 anni non hanno voluto partecipare al Palio delle Batterie lungo il percorso processionale della Vergine del Soccorso per le vie della città ma che comunque hanno eseguito ugualmente la propria batteria, ieri sera in viale Matteotti davanti un consistente numero di spettatori, ha assegnato le targhe di riconoscimento ai rioni che hanno salutato la Vergine al passaggio della processione nel proprio rione con una batteria pirotecnica, ai pirotecnici esibitosi ma anche a tutti coloro i quali hanno contribuito all’ottima riuscita della festa patronale edizione 2011.

La manifestazione – La manifestazione, è stata ideata anche per omaggiare uno dei primi pirotecnici sanseveresi, deceduto qualche mese fa per anzianetà ed al quale San Severo deve molto perchè è anche grazie a lui e alla sua famiglia se i pirotecnici sanseveresi e la nostra bella festa sono conosciuti in tutto il mondo.

Nascita della pirotecnica sanseverese – L’Arte pirotecnica sanseverese è nata anche dal Sig. CHIARAPPA Giuseppe e tramandata ai figli e ai figli dei figli, nonchè anche ai figli di questi ultimi ma anche ai nipoti diretti del Sig. Chiarappa Giuseppe. Chi lo ha conosciuto sapeva che “NONONN” o “NONN Gsepp” come comunemente veniva chiamato, ha fatto della Pirotecnica la sua vita ed ha tramandato l’amore e la passione verso questa Nobile Arte nel migliore dei modi a tutti i suoi “alunni” affinchè apprendessero e mettessero in pratica tutti i suoi insegnamenti da persona saggia, educata e corretta che era!

L’uomo – Lui e la sua bicicletta erano inseparabili…Chilometri e chilometri percorsi per arrivare ogni giorno prima alla sua polveriera, quando ancora era a pieno delle sue forze lavorative e inseguito alla polveriera dei figli Nicola e Luigi e poi successivamente a quella dei nipoti Chiarappa Giuseppe e Presutto Michele (attuali proprietari rispettivamente delle ditte Pirogiochi e Pirotecnica Padre Pio).

Ricordi – Anche io da ragazzo, che frequentavo quei luoghi, me lo ricordo come una persona che sapeva quello che diceva e lui, seppur in pensione, si preoccupava di aiutare i figli e/o i nipoti durante gli spettacoli a San Severo cercando di continuare a dare i consigli che solo un padre e/o un nonno sanno dare! Era come se il fuoco gli parlasse dentro… Segno del rispetto che “NONON” aveva verso di Lui e viceversa…

Un grazie immenso – Un solo legame dettato dall’amore e immensa passione verso la Pirotecnica! E così, qualche mese fa, CHIARAPPA Giuseppe, del quale io stesso ringrazierò a vita per quello che indirettamente ha insegnato anche a me, ci ha lasciato per ritornare dai suoi predecessori ma anche dai suoi amici pirotecnici d’un tempo! Ciao “nonno Giuseppe” veglia da lassù su tutta la tua Famiglia e su tutti noi ed unitamente a Santa Barbara proteggi, veglia e prega per coloro i quali come te “odorano” di polvere da sparo e la “mangiano”!